Home

Il centro abitato di Thiesi,oltre a costituire uno degli agglomerati urbani più importanti ed avanzati nel settore industriale della produzione lattiero -casearia e leader nell'esportazione dei prodotti tipici quali il pecorino romano, rappresenta emblematicamente il segno della continuita' dell'insediamento umano attraverso il succedersi dei millenni e l'inevitabile evoluzione del tessuto urbanistico , nel quadro di un indissolubile rapporto col territorio circostante.L'ambiente naturale e'caratterizzato dall'alternarsi di leggeri altopiani e profonde vallate ,costituendo un habitat ideale per l'insediamento umano e l'esplicarsi delle primarie attivita' quali le colture e il pascolo sin dall'antichità',e attualmente offre un contesto privilegiato per intinerari naturalistici ,tra i quali si evidenziano quelli dei boschi di " su Padru" e di "Sa Tanca" de Santu Ainzu e quello lungo le sponde del Bidighinzu.

Cospicue risultano, dunque, le attestazioni archeologiche disseminate nel territorio che narrano la presenza dell'uomo a partire dall'Età' Eneolitica, epoca cui risalgono quelle straordinarie manifestazioni dell'architettura funeraria comunemente note con il termine di "domus de janas",tra queste si segnala il complesso di sa Pedraia ,caratterizzato dai numerosi vani funebri a pianta pluricellulare uno dei quali dotato di due teste di topo scolpite.Molto importante il complesso di" Mandrantine " nel quale spicca 'ipogeo dipinto che costituisce, per la policromia applicata e l'intensa simbologia dei motivi decorativi rappresentati,uno dei più rari e migliori esempi dell'architettura ipogeica dell'intera Sardegna. In prossimità del lago Bidighinzu,lungo la 131 bis ,sarà presto visitabile lo pseudo nuraghe di "Fronte Mola" originale edificio a pianta rettangolare .
Questi rappresentano efficacemente l'immenso valore del patrimonio archeologico quale fonte di conoscenza delle radici storiche comuni.Un analogo sviluppo attraverso i diversi periodi storici evidenziato nel territorio,si manifesta anche nell'evoluzione del centro abitato di Thiesi contraddistinto da attestazioni archeologiche a partire dal Neolitico Recente ,come chiaramente rivelano la presenza di "domus de janas" nel fianco del ciclone calcareo che,posto nel lato sud del paese,va dal Comune alla zona di Seunis . I continui rinvenimenti di materiale archeologico di eta' romana,medioevale e rinascimentale, testimoniano l'interrotta esistenza dell'abitato modificandosi nelle sue linee urbanistiche con il procedere dei secoli che si manifesta ai giorni nostri con un duplice impianto.

Il primo,caratterizzante il centro storico nel quale si intravedono ancora aspetti mediovali,si incentra nella zona caratterizzata dalla chiesa parrocchiale cinquecentesca di S.Vittoria,la cui architrave lascerebbe intuire una datazione ancora piu' antica,e dal torrione circolare lungo via Matteotti sicuramente pertinente ad una struttura fortificata del feudatario.Il secondo si concentra intorno alla chiesa seicentesca di S. Antonio. Altri monumenti:chiesa di S. Croce e di S Giovanni (1600),di S.Sebastiano (1700),Monte Granatico (1700),palazzi del 1800 e 1900 tra cui quello  Comunale e l'asilo infantile.